Chi siamo

Il brand Will.ReBorn è nato dall’interazione alchemica tra la natura e Francesco Pandolfi Balbi, pensatore innamorato della vita e desideroso di focalizzare l’attenzione dei propri simili sul piacere e sulla gioia.

Francesco è convinto che lo scopo dell’esistenza sia avere la possibilità di scegliere, e che sia intelligente e piacevole farlo generando bellezza e armonia.

Di qui la serie di iniziative, molto spesso in forte anticipo sui tempi, messe in piedi nell’arco della sua vita.
Will.ReBorn è l’espressione che abbraccia il meglio delle sue idee del passato ed è pronto a seminare con estrema semplicità il rinnovamento spontaneo che, dopo qualsiasi inverno, caratterizza l’esplosione primaverile della vita. Si tratta di un modello di rinascita che, come qualsiasi idea che abbia senso, è provvisto di radici che affondano nel quotidiano. Dunque è una ricetta essenzialmente pratica, anche se si articola su un’analisi concettuale della realtà e fornisce una serie di strumenti di supporto che riescono a mantenere saldo il legame tra il pensiero e la vita di tutti i giorni.

Gli indumenti, ad esempio, sono sempre stati in grado d’influenzare silenziosamente sia chi li indossa, sia chi li osserva. Francesco dà quindi il massimo giocando con forme e colori essendo convinto che rendere l’Uomo ambasciatore di armonia possa essere, oltre che semplice come indossare una t-shirt, estremamente divertente e soddisfacente per tutti.

Obiettivo di Will.ReBorn non è tanto ‘vendere’, quanto piuttosto contribuire a trasformare il mondo in un ambiente migliore attraverso la chiarezza, il benessere e l’energia del singolo. Secondo Francesco imprimere sulle proprie creazioni pennellate e sussurri di natura è il modo più pratico per diffondere e ricordare la bellezza che da sempre coinvolge l’intera creazione.

Attualmente la produzione dei capi avviene grazie alla preziosa collaborazione di partner italiani.

Will.ReBorn
infoCHIOCCIOLAwillreborn.com
Via Los Angeles, 20
06081 Assisi PG – Italia
Sede NON abilitata all’accoglienza del pubblico